Sociale

Adescava minorenni su internet in rete in cambio di ricariche telefoniche

Alla fine la giustizia, anche se con i suoi cronici ritardi, è arrivata. 

Un dipendente dell’Asl di Buccino, di anni 60, è stato arrestato e tradotto in carcere  con l’accusa di pedopornografia e adescamento, dopo la sentenza definitiva di condanna emessa dalla Cassazione.

2b0d262f-8f58-4f4e-bcf7-f1a28da58dfb_small

Questa vicenda ha avuto inizio circa 5 anni fa a seguito di una indagine avviata dopo una denuncia dei genitori di una ragazza.

Secondo le accuse l’uomo, utilizzando il computer dell’azienda, aveva adescato delle ragazzine minorenni. Alle ragazzine chiedeva, in cambio di ricariche telefoniche,  fotografie in atteggiamenti particolari.

Il materiale pedopornografico è stato ritrovato nel suo computer. Per l’uomo si sono “consumati” i tre gradi di processo, fino ad arrivare alla condanna definitiva.