Attualità

Bellizzi, via libera al nuovo cimitero, grazie ad investimenti di privati

Cimitero Comunale. Un opera importante e fondamentale per la comunità tutta che andrà a consolidare un senso di appartenenza con la città. Il progetto venne interrotto dalla precedente amministrazione, rescindendo anche gli accordi con Montecorvino Rovella (che ne conserva la piena autonomia, riconoscendo il 51% alla comunità di Bellizzi del suo valore patrimoniale del cimitero di San Martino).

Il sindaco Volpe accusa la minoranza di ostracismo, che è continuato anche sull’approvazione del nuovo progetto, che ha visto il gruppo “Insieme per la Bellizzi che vogliamo” votare contro nella seduta consiliare del 29 dicembre 2016.

Cimitero-monumentale-di-poggioreale-640x321

L’amministrazione comunale sceglie il project financing, che attinge a progetti e capitali privati, per la realizzazione del cimitero. La giunta Volpe ha approvato la progettazione definitiva ed esecutiva per la costruzione e la gestione. Sarà, quindi, un’impresa privata, con i propri capitali, a realizzare l’opera che costerà circa 8 milioni di euro (che si ridurranno in fase di gara) e la gestirà, sotto il controllo del Comune, per i prossimi trent’anni, e quantomeno fino al conseguimento del pareggio di bilancio di quanto investito e incassato. Il cimitero è un’opera essenziale per la comunità di Bellizzi, in quanto a tutt’oggi i propri cari vengono sepolti nel cimitero di Mont. Rovella. Il camposanto bellizzese sorgerà invece in località Fabbrica Nuova, in un’area già vincolata nel Piano Regolatore Generale. Ovviamente è un provvedimento che richiede tanta burocrazia, competenza degli uffici preposti, e occhio vigile del Consiglio Comunale tutto.

Ovvia la soddisfazione del sindaco Volpe che ritiene  l’opera strategica per la città e di fondamentale importanza per l’intera comunità di Bellizzi. Nonostante l’investimento di soggetti privati, il Comune controllerà i prezzi sia dei loculi che delle cappelle e la tipologia dell’opera stessa. Otto milioni di euro è un investimento importante che metterà in moto l’economia del paese, attraverso nuovi posti di lavoro anche nei settori dell’indotto. Ci vorrà del tempo, Intanto a breve, sembra che il Comune intenda approvare una sorta di regolamento per disciplinare l’eventuale acquisto dei loculi o cappelle, che saranno tutte uguali, comprese le tombe interrate, (come il cimitero inglese, per capirci), oltre che per il trasloco dei resti dei defunti sepolti a Rovella. Ma qui è tutta un altra storia. Troppo presto e troppo lungo da esporre in questo articolo.