Amici Animali

Monselice (PD): visto dai vicini mentre abusa sessualmente del suo cane. Indagato

Un uomo di 35 anni è oggetto di indagine da parte della Polizia Municipale di Monselice, in provincia di Padova, per atti di zooerastia.  Le autorità sarebbero state avvisate da alcuni vicini dell’indagato che in più di un’occasione avrebbero assistito alle attenzioni morbose del 35enne.

Nello specifico, il comportamento del giovane è stato reso noto alla Polizia Municipale che ha fatto immediatamente scattare un’indagine, trovando purtroppo conferma ai sospetti dei residenti della zona. Il cane oggetto degli abusi è un meticcio per il quale la Procura di Padova ha disposto il sequestro e l’affidamento ad alcuni volontari animalisti. Il giovane sarebbe stato notato dai vicini di casa mentre si sdraiava nudo sul letto e posizionasse il cane sopra il suo corpo. Gli atti di zooerastia sarebbero stati notati lo scorso febbraio.

Pare che l’uomo abbia non ben specificati problemi e che mantenga un rapporto difficile anche con madre e sorella: per questa ragione, la vicenda vedrà coinvolti anche i servizi sociali. Ricordiamo che la zooerastia è la pratica che vede l’essere umano abusare sessualmente degli animali e che in Italia non esiste alcuna legge che la vieti esplicitamente: un caso come questo, pertanto, ricadrebbe sotto il più ampio contesto di maltrattamento di animali.