Politica

PONTECAGNANO: IL CONSIGLIERE ANASTASIO SOSPESO DAL CONSIGLIO COMUNALE

Camorra, minacce ad un consigliere per fargli disertare la seduta comunale: di nuovo nei guai Anastasio. Aveva reso note le sue dimissioni. Ma, in realtà, l’ex consigliere comunale di Pontecagnano, Antonio Anastasio ha solo rispettato la sospensione dalla sua carica già disposta dalla Prefettura. Nel primo pomeriggio del 19 giugno, infatti, i carabinieri di Battipaglia hanno eseguito una nuova ordinanza applicativa di misure cautelari personali nei suoi confronti, quale imputato nell’ambito dell’operazione Perseo. Ad Anastasio, in particolare, viene contestato di aver pianificato, appoggiato dall’organizzazione camorristica Pecoraro Renna, la minaccia compiuta nel maggio del 2016, ai danni di un consigliere di maggioranza, per indurlo a non presentarsi ad una seduta del consiglio comunale. Ma la vittima denunciò tutto agli inquirenti che hanno iniziato ad indagare attraverso un servizio di osservazione, anche durante il consiglio tenuto il 31 maggio. Era quella una seduta consiliare decisiva perchè riguardava l’approvazione del bilancio dell’Ente: la minaccia aveva, dunque, il chiaro intento di provocare lo scioglimento dell’amministrazione. La richiesta di custodia cautelare (ai domiciliari) era stata accolta dal Gip per i reati contestati e per l’aggravante del metodo mafioso. A seguito della revoca della misura originaria (dovuta alla scadenza dei brevissimi termini di fase – tre mesi) la DDA ha, dunque, inoltrato una nuova richiesta (divieto di espatrio, obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e divieto di dimora in Campania) per salvaguardare le esigenze cautelari e scongiurare la prosecuzione e reiterazione dell’attività criminale. Tale richiesta è stata accolta dal Gip il 15 giugno ed è stata eseguita il 19 giugno: ieri, 20 giugno, dunque, la Prefettura ha emesso il decreto di sospensione di diritto alla carica di consigliere comunale di Pontecagnano per Anastasio, a seguito dell’applicazione della misura cautelare, con il divieto di dimora in Campania.