Attualità

Fiumi di droga fra Eboli e Buccino, lo spaccio gestito da un migrante

Questa mattina a Buccino, San Gregorio Magno, Sicignano degli Alburni e Vietri sul Mare i carabinieri della Compagnia di Eboli, agli ordini del capitano Luca Geminale e con il supporto del Nucleo Cinofili di Sarno, hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal gip del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica di Salerno nei confronti di 12 persone ritenute responsabili a vario titolo di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. Inoltre sono stati eseguiti ulteriori decreti di perquisizione locale nei confronti di altri 7 indagati a vario titolo per gli stessi reati.

I provvedimenti scaturiscono da una complessa indagine condotta dalla Compagnia di Eboli e dalla stazione di Buccino avviata nell’aprile del 2016. In particolare l’attività investigativa, svolta attraverso metodi tradizionali supportati da attività tecniche e mirati servizi dinamici, resi ancor più difficili a causa del contesto territoriale, ha consentito di documentare le responsabilità degli indagati in ordine a numerosi episodi di spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto hashish e marijuana, in parte approvvigionata da un uomo di Vietri sul Mare e in parte nell’hinterland napoletano che successivamente veniva venduta a Buccino e San Gregorio Magno a diversi giovani.

Inoltre è stato individuato tra i principali spacciatori un migrante originario del Gambia, richiedente asilo politico e alloggiato nel “Park Hotel” di Sicignano degli Alburni, dedito allo spaccio di hashish e marijuana nel centro di accoglienza. Nel corso dell’indagine, inoltre, sono state arrestate in flagranza 4 persone per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti.

Questi i destinatari delle misure cautelari: Vincenzo Mangini, Jaiteh Mamdou, Mauro Avallone, Renato Junior Gallucci, Giuseppe Parrilli, Nicol Murano, Gianvito Marottoli, Giovanni Iuzzolino, Nunzio Leo, Dario Visca.