Attualità

Eboli: arrestati due marocchini per spaccio e tentato omicidio

I Carabinieri della Stazione di Santa Cecilia hanno arrestato ieri due marocchini. L’accusa è di spaccio per uno e di tentato omicidio per l’altro.

Duplice operazione da parte dei Carabinieri della Stazione di Santa Cecilia ad Eboli. Nella nottata, durante un servizio coordinato teso al contrasto dei reati in materia di stupefacenti, è stato tratto in arresto in flagranza di reato C.E.K., classe ’82, marocchino, per detenzione illecita ai fini di spaccio. Alla vista dei militari l’uomo si è dato ad una precipitosa fuga disfandosi di una busta contenente un bilancino di precisione, 50g circa di marijuana e 20g di hashish. L’uomo è stato prontamente bloccato e tratto in arresto. In mattinata si è svolta l’udienza di convalida ed è stato tradotto in carcere.

Poco più tardi, sempre i militari della Staz. di Santa Cecilia, hanno arrestato A.B., classe ’87, marocchino, e a sottoporlo al fermo di indiziato di delitto poiché ritenuto responsabile del tentato omicidio di un suo connazionale commesso il 30 luglio dello scorso anno all’interno dell’ex fabbrica “Mellone” sita in località S.Cecilia di Eboli, ss18.Salerno furto, cannabis, cava, spaccio

In tale circostanza il marocchino con una spranga di ferro colpì il suo connazionale ripetutamente al capo e al volto. In ospedale il malcapitato arrivò in pericolo di vita e fu giudicato in prognosi riservata. L’individuazione dell’uomo è stata possibile grazie ad un’intensa attività info-investigativa e numerosi servizi di osservazione, pedinamento e controllo del territorio. Il fermo è stato successivamente convalidato dall’AG e l’imputato è stato tradotto presso la casa circondariale di Salerno.