Attualità

Terremoto Ischia ultima ora, raggiunti i due fratellini. Neonato salvato

Ci sono ancora due fratellini di 8 e 11 anni dispersida 10 ore sotto le macerie di Ischia, colpita ieri sera da un terremoto di magnitudo 4.0. Ma la buona notizia è che i soccorritori li hanno raggiunti sono riusciti a porgere loro bottogliette d’acqua. Squadre specializzate sono in azione per penetrare sotto il solaio crollato a Casamicciola, la località più colpita dal sisma: poco prima avevano salvato il papà e il fratellino di 7 mesi. Il bilancio, provvisorio, della tragedia è di due morti– due donne – e 39 feriti tra di cui due in pericolo di vita e trasferiti all’ospedale Cardarelli di Napoli.

download

CASAMICCIOLA LA PIU’ COLPITA – Il sisma, di magnitudo rivista a 4.0 (inizialmente il dato diffuso dall’Ingv era 3.6), è stato avvertito poco prima delle 21 di ieri in diverse zone dell’isola, oltre che a Procida e nella costa Flegrea. Un boato, poi il black out e la gente in stradaCasamicciola è il comune più colpito: qui una donna anziana, Lina Cutaneo, è morta dopo essere stata colpita dai calcinacci caduti dalla chiesa di Santa Maria del suffragio. Il cadavere di un’altra donna sarebbe stato individuato sotto una casa crollata. Molte le persone che nei primi momenti dopo il sisma risultavano disperse.

ESTRATTI VIVI  – Dopo aver estratto vivi dalle macerie di una palazzina un uomo e due donne, i vigili del fuoco hanno salvato tra gli applausi un uomo e il figlio di 7 mesi. “‘ E’ un miracolo”, dicono i soccorritori. Ancora intrappolati ma vivi i due fratellini, Ciro e Mattia, di 8 e 11 anni intrappolati sotto le macerie.

1

FRATELLINI INTRAPPOLATI – Ancora sotto le macerie il più grande dei tre fratelli, Ciro, di 11 anni, che ha subito risposto a chi lo chiamava dall’esterno e ora racconta di essere sotto il letto con l’altro fratellino di 8 anni. “Si sta svolgendo un lavoro molto complesso – spiegava nelle prime ore della mattinata Luca Cari, responsabile della comunicazione emergenza dei vigili del fuoco – i solai si sono compattati e pezzo a pezzo stiamo smontando la struttura aprendo il varco giusto”. Cari sottolinea che “si è sempre in contatto con uno dei due bambini sotto le macerie”. La mamma dei bimbi è stata la prima a essere tratta in salvo, secondo quanto viene raccontato, e ha indicato ai soccorritori dove cercare i figli.

Diversi i palazzi crollati: almeno sei, tra cui una palazzina abitata in piazza Maio. La chiesa del Purgatorio è andata distrutta, numerosi alberghi sono isolati. Stanno operando carabinieri, polizia e vigili del Fuoco, oltre che unità di soccorso medico.

terremoto-ischia

GLI ALTRI DANNI – Ma la scossa si è sentita distintamente anche in altre zone dell’isola, come a Barano e Forio. A Ischia porto si è registrato un black out elettrico. Per la paura centinaia di turisti e residenti si sono riversati nelle strade. Molti alberghi sono stati isolati. L’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno è stato evacuato per la presenza di numerose crepe nel palazzo. In una nota l’Asl Napoli 2 Nord precisa che l’ospedale è stato evacuato “per precauzione”. “Nessun paziente – continua la nota – e nessun operatore è rimasto ferito. I chirurghi sono riusciti a chiudere gli interventi in corso”. Successivamente l’ospedale è stato dichiarato agibile (tranne alcune stanze) e i pazienti sono rientrati. In tutte le zone dell’isola sono in corso le verifiche dei Vigili del fuoco, a cui sono arrivate decine di chiamate. In tanti raccontano la situazione via social con Tweet, post e foto e video su Youtube. Intanto sono partiti due traghetti dal porto isolano per riportare a Napoli turisti evacuati da alberghi o che desiderano lasciare Ischia.