Attualità

PAESTUM: COPPIA FA L’AMORE IN SPIAGGIA NEL SUV MA RIMANGONO INTRAPPOLATI SULLA SABBIA

quella che doveva essere una serata di intimità,in riva al mare, si è trasformata in una imbarazzante disavventura. La loro fiammante Range Rover si è insabbiata e, per tirare fuori il suv, hanno utilizzando anche le palettine da spiaggia raccolte sull’arenile. Una notte movimentata per la coppia di turisti destinataria di una multa salata verbalizzata dalla polizia locale. Succede, quando si ha la pretesa di arrivare con la propria autovettura quasi fino a riva, per trascorrere qualche ora romantica sotto le stelle, cullati dal rumore delle onde, violando tutti i divieti imposti.

A ritrovarli, verso le cinque di ieri mattina, mentre armeggiavano vicino all’autovettura, è stato il gestore del lido Calypso, Maurizio Paolillo. «Quando sono arrivato sulla spiaggia – racconta Paolillo – ho subito notato la macchina e la coppia di giovani, che cercava di togliere la sabbia scavando sotto le ruote con delle palettine recuperate dai vicini ombrelloni. Ho detto loro che era tutto inutile ma hanno continuato. Hanno anche spinto il suv fino a riva pensando di riuscire a farlo ripartire e lasciando sull’arenile evidenti solchi causati dai pneumatici. Poi si sono arresi. Di fatto, sarebbe stato necessario un mezzo meccanico, per il quale occorre un’autorizzazione demaniale. Alla fine è intervenuta la ditta Santoro, che ha creato una sorta di passarella con le tavole. L’idea ha funzionato».
Le operazioni di “salvataggio” sono avvenute sotto gli occhi increduli dei bagnanti che, ieri mattina, hanno affollato il tratto di spiaggia libera situato nella contrada marittima della Licinella.
La coppia aveva deciso di attraversare col suv l’area dunale nonostante i cartelli di divieto che ne impedivano l’accesso. Tra l’altro, il gestore del lido adiacente ha provveduto a collocare pure dei cartelli catarifrangenti dove si informa del rischio insabbiamento. I due giovani hanno approfittato che nel tratto di spiaggia libera non è stata collocata la recinzione di protezione dell’area naturalistica, così come nella contrada Laura. «Sono rammaricato – conclude Paolillo, ex consigliere delegato alla fascia costiera- le persone continuano ad accedere con le auto sulla spiaggia nonostante i divieti».

I malcapitati sono stati costretti a trascorrere tutta la notte sull’arenile nel tentativo di riuscire a liberare la macchina. Hanno subito una multa e, sicuramente, per loro la situazione è stata abbastanza imbarazzante. Un episodio che, di certo, ricorderanno; e forse, si spera, hanno imparato la lezione che sarebbe più opportuno evitare simili comportamenti incivili. Sul posto il personale della polizia locale, diretta dal capitano Natale Carotenuto, che ha provveduto a notificare al proprietario dell’auto una pesante sanzione