Sport e Spettacolo

Qualificazioni Mondiali 2018, Spagna-Italia 3-0: disastro azzurro a Madrid

Le Furie Rosse si confermano una maledizione per i nostri, puniti dalla serata di grazia di Isco e dalla rete finale di Morata, e ora sempre più lontani dall’accesso diretto alla rassegna iridata.

L’inizio gara conferma i timori della vigilia, con la Spagnapadrona del campo e l’Italia costretta a difendersi e anche male: la prima brutta notizia arriva al 3′ con l’ammonizione di Verratti, che ne condizionerà l’intera prova. All’8′ brivido per Buffon, graziato dalla punizione alta di Sergio Ramos dopo un fallo ingenuo dal limite di De Rossi. Il copione si ripete al 12′ e stavolta c’è anche il giallo per il diffidato Bonucci che quindi salterà la sfida di martedì contro Israele: sugli sviluppi del piazzato Isco disegna una traiettoria che beffa il portiere azzurro. L‘Italia dalle parti di De Gea si fa vedere al 22′: cross di Darmian che raggiunge Belotti, bravo a eludere la marcatura di Ramos ma non abbastanza da angolare la zuccata, respinta a fatica dall’estremo difensore di casa. Al 25′ Verratti conferma la serata no e per poco non beffa Buffoncon un velenoso retropassaggio: sul seguente corner Piqué sfiora il punto del 2-0, così come fa al 37′ Carvajal con un diagonale. La questione è solo rimandata al 40′, quando Isco trafigge ancora Buffon, stavolta con una rasoiata sublime.

download

SENZA REAZIONE – Il primo squillo azzurro della ripresa arriva al 49′ sull’asse Immobile-Insigne: il laziale serve il giocatore del Napoli che al volo impegna De Gea, che al 54′ avrebbe potuto fare poco sulla zuccata di Belotti, che finisce alta sulla traversa. Sul fronte opposto al 68′ è provvidenziale Buffon su Carvajal, servito alla grande dal solito Isco. Il numero 1 dell’Italia non può nulla su Morata che al 77′ riceve da Ramos e insacca il gol del 3-0: è l’ultima pillola da mandar giù per Ventura e il suo 4-2-4 che ha esacerbato il gap tecnico tra le due Nazionali, con la nostra che dovrà ancora sudare molto per andare in Russia l’anno prossimo. Gli azzurri, oggi umiliati, dovranno rincorrere la qualificazione ai Mondiali 2018 attraverso gli spareggi delle migliori seconde.