Attualità

L’uragano Irma devasta i Caraibi. Cuba e Florida, allarme massimo

Il bilancio sale a 13 vittime. Milioni al buio e senz’acqua. Stato di emergenza a Cuba. Ordinata l’evacuazione a Miami Beach. Timori anche in Georgia. E incombono anche Jose e Katia. Trump: “Siamo molto preoccupati”. Onu: il ciclone colpirà 37 milioni di persone.

Miami (Florida). Ha già devastato i Caraibi e ora marcia minaccioso a Nord-Ovest. L’uragano Irma, trascinato da venti che sfiorano i 300 km orari, non accenna a diminuire la sua intensità: resta di categoria 5, ovvero la massima, puntando dritto su Cuba e Santo Domingo, che saranno colpite nelle prossime ore, e sulla Florida, dove è atteso domenica. Ci si prepara al peggio.

Sale il bilancio delle vittime: ora sono almeno 13, dopo che tre morti sono stati accertati nelle Virgin Islands, territorio statunitense che sta subendo “danni catastrofici”, come spiegato dal governatore. Tra le vittime un bambino di due anni. Anche il presidente Trump ha espresso “preoccupazione”.

 

Intanto incombono altre due tempeste, elevate nella notte a livello di uraganiJose che arriva dall’Oceano, e Katia, che imperversa nel golfo del Messico. Secondo l’Onu Irma potrebbe colpire 37 milioni di persone e il Fmi si dice pronto a aiutare i Paesi coinvolti.

CARAIBI SPAZZATI VIA – Le due piccole isole francesi di Saint Martin e Saint Barthelemy, nel Mar dei Caraibi, sono state quasi completamente distrutte dalla furia di Irma. Qui le vittime sono almeno 4. Anche la piccola isola di Barbuda è ridotta a un cumulo di macerie: nove edifici su 10 sono andati distrutti. Tre i morti, tra cui un bimbo di appena due anni ha perso la vita mentre con la sua famiglia cercava di fuggire da casa. Una vittima si conta ad Anguilla. E Irma ha raggiunto anche il nord del territorio americano di Porto Rico, dove vivono 3 milioni di abitanti: circa la metà della popolazione si trova già senza elettricità. 50.000 persone sono rimaste senza acqua mentre 14 ospedali continuano a funzionare solo grazie a generatori di corrente di emergenza.