Attualità

Sardegna, pastore non riesce a vendere il latte: uccide le sue 135 pecore e 4 cani

Prima il folle gesto, poi la fuga. Un pastore sardo di 62 anni, dopo l’ennesimo rifiuto del latte delle sue pecore da parte di una cooperativa – per via di un alto contenuto microbico che aveva reso il siero non più commestibile – ha deciso di uccidere tutto il suo gregge, composto da 135 pecore e i suoi quattro cani pastore. L’uomo ha sgozzato tutti gli animali uno ad uno: sono stati trovati morti a Santa Giusta, in località “Pala ‘e Chercu”. nelle zona di Ploaghe in Sardegna. A  fare la macabra scoperta è stato un gruppo di altri allevatori dell’area che hanno iniziato a sentire il fetore delle carcasse abbandonate. Il pastore era già conosciuto dalle forze dell’ordine per un altro gesto di follia avvenuto nel 1998 quando tentò di sparare a un vicino. Ai tempi, dopo il sequestro delle armi, fu ricoverato in un ospedale psichiatrico giudiziario. Sull’uccisione del bestiame indagano ora gli agenti del Corpo Forestale e della polizia locale del paese.