Attualità

Aeroporto di Salerno, chiuso per restyling per due anni

L’aeroporto Costa d ’Amalfi dal 1 gennaio 2018 e fino al 31 dicembre 2019 sarà in standby, con un «esercizio minimale delle attività di volo». È quanto annunciato dalla Regione nel Testo unico delle società a partecipazione pubblica, in cui viene redatta una sorta di cronoprogramma in vista dei lavori di ampliamento della pista e della struttura, oltre che ad un programma di contenimento dei costi e di rientro della spesa. Naturalmente in primo piano c’è proprio l’intervento di restyling dello scalo, un ’opera da 40 milioni di euro, che prevede l’allungamento della pista a 2 mila e 200 metri, l’ampliamento dei piazzali aeromobili e la riqualificazione dei raccordi e delle opere annesse, come la costruzione di un nuovo terminal per l’aviazione civile e l’ampliamento di quello commerciale, con la realizzazione di nuovi parcheggi e altre strutture a supporto delle attività aeroportuali e di un deposito carburanti.

Secondo le previsioni della Regione l’inizio dei lavori ci sarà il 1 luglio del prossimo anno e il cantiere sarà chiuso il 31 dicembre del 2019. La riapertura dello scalo, per le attività di volo, avverrà il 1 gennaio 2020. In tutto questo periodo per il personale è prevista la riqualificazione professionale attraverso il Fondo sociale europeo, nei periodi di esaurim ento degli ammortizzatori sociali, la cassa integrazione a zero ore (o strumento equivalente) nel 2018 e 2019 per parte del personale.