Attualità

SALERNO: ragazzina molestata sul bus. Arrestato un 33enne per violenza sessuale

L’episodio si è consumato ieri su un bus del servizio pubblico. A dare l’allarme un passeggero.

Due ragazzine di 15 anni decidono di tornare a casa e si dirigono in piazza della Concordia per prendere il bus. Arriva l’autobus, affollatissimo, ma loro decidono comunque di salire a bordo. Neanche pochi minuti nella ressa e una delle due sente che qualcuno le sta palpeggiando il di dietro. Spaventata si gira e vede un uomo che la schernisce, senza smettere di toccarla. Cosa può una ragazzina, benché accompagnata da un’amica,  di fronte a un uomo che la sta molestando impunemente davanti a decine di persone? La vergogna è troppa, non sa come liberarsi dalla morsa del suo aguzzino.Trova la forza per chiamare i suoi genitori che però sono lontani e non possono aiutarla. Per fortuna un passeggero a bordo del bus su cui si sta consumando la violenza nota la scena e allerta le forze dell’ordine che si fanno trovare a una fermata del mezzo diretto a Mercatello e bloccano l’uomo nonostante egli, appena vede le divise, cerca di scappare.

Dopo un piccolo inseguimento gli agenti delle Volanti riescono a fermare I.I., italiano nato a Santa Maria Capua Vetere 33 anni fa da una famiglia macedone,  e lo arrestano per violenza sessuale, sotto forma di molestie, nei confronti di una minore. In seguito alla denuncia ed in base alle informazioni rese dalle due ragazzine alla presenza dei genitori, nonché tramite altre fonti testimoniali, gli agenti hanno poi ricostruito l’esatta condotta dell’uomo, responsabile di violenza sessuale, nella specie delle gravi molestie sessuali. Il 33enne è stato compiutamente identificato tramite la sottoposizione ai rilievi foto dattiloscopici e dagli accertamenti sono emersi numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, in particolare, furto aggravato, rapina e ricettazione, nonché vari reati di evasione dagli arresti domiciliari e la misura di sicurezza della libertà vigilata a cui risulta attualmente sottoposto.

In considerazione dei gravi indizi di colpevolezza e del concreto pericolo di fuga, il soggetto è stato sottoposto ad un fermo di indiziato di delitto e condotto presso la locale casa circondariale di Fuorni, a disposizione dell’Autorità giudiziaria procedente.