Amici Animali

ORISTANO: “Freccia”, il cagnolino trafitto da un arpione, ha superato la notte.

“Freccia è vivo, abbiamo superato la notte”: la buona notizia arriva dal profilo Facebook della clinica veterinaria Due Mari di Oristano, dove ieri è stato portato un cane infilzato con un arpione da pesca.

Gravi le lesioni riportate: danneggiati un polmone, il fegato e l’esofago.

foto_645942_550x340

Sottoposto a un intervento, il cagnolino è sopravvissuto e i veterinari continuano a occuparsi di lui.

A portarlo alla clinica sono state alcune persone che lo hanno trovato mentre vagava dolorante a Nuoro, vittima di una violenza spietata e gratuita.

L’arpione con cui è stato trafitto è di quelli per i fucili da pesca, che spesso, leggermente modificato, viene utilizzato dai bracconieri e gli ha perforato il torace, il polmone e il fegato, lesionandogli anche l’esofago. Dopo l’operazione cui è stato sottoposto, Freccia (questo il nome che gli è stato dato) respira da solo, ma le sue condizioni restano molto gravi.

“Sarà una lunga notte, ma lo salveremo”, hanno scritto i medici su Facebook, in serata.