Attualità

Battipaglia, non ci sono più medici e la dermatologia chiuderà i battenti

Un dottore è in pensione e l’altro ci andrà con l’anno nuovo-

A Battipaglia, a partire dal 2018, l’ospedale  dovrà fare a meno dell’ambulatorio di dermatologia. Non ci sono più medici e allora si chiudono i battenti: per le visite dermatologiche ci si dovrà spostare a Eboli. E l’amministrazione comunale vuol vendere cara la pelle. Da qualche settimana le porte dell’ambulatorio di dermatologia del “Santa Maria della Speranza” sono chiuse: il dirigente medico, Bruno Brunetti, sta beneficiando delle ferie prima del pensionamento. Con l’anno nuovo, il dermatologo sarà in pensione, e non ci sarà nessun altro a rimpiazzarlo nella struttura ridotta all’osso: erano rimasti in due tra le mura dell’ambulatorio dell’ospedale battipagliese, ma l’altro dirigente medico, Francesco Musumeci, al pensionamento c’è arrivato già da qualche mese. E la porta che Brunetti si lascerà alle spalle rimarrà chiusa. Lo conferma Mario Minervini, direttore sanitario dell’ospedale di Battipaglia e dell’ebolitano “Maria Santissima Addolorata”: «I due medici vanno in pensione – commenta laconico il numero uno della struttura di via Fiorignano – e ad Eboli c’è già un ambulatorio di dermatologia». Il direttore sanitario e il direttore generale dell’AsI salernitana, Antonio Giordano, vogliono evitare i doppioni: «Non si tratta di reparti – dice Minervini – e gli ambulatori sono di carattere territoriale, e non ospedaliero».