Attualità

Basilicata, collegamenti Frecciarossa per Roma fino al 2018

A un anno di distanza dall’avvio di un’esperienza che a oggi sembra aver dato i frutti sperati, la Regione Basilicata ha deciso di rinnovare fino al 10 dicembre del 2018 il servizio Frecciarossa con Trenitalia. Il costo si aggira sui 3,3 milioni di euro, ma la giunta Pittella punta a recuperare parte della spesa dalla compartecipazione della Puglia, a sua volta interessata dall’alta velocità. Operazione, quest’ultima, annunciata già un anno fa, ma evidentemente ancora non andata in porto. Soprattutto nei primi mesi il Frecciarossa ha fatto registrare numeri molto interessanti sul fronte dei passeggeri: logica conseguenza in una regione affamata di infrastrutture e collegamenti più efficienti. E così si prova a far diventare strutturale la presenza del Frecciarossa in Basilicata, sebbene le nostre rotaie non consentano ai convogli di viaggiare a pieno ritmo. Il treno che serve la Basilicata parte da Taranto alle 5:48 del mattino per poi fermarsi alle stazioni di Metaponto, Ferrandina e Potenza, per poi proseguire verso Salerno, Napoli e i corridoi che portano alle grandi città del Nord. La distanza Potenza-Roma viene coperta in poco più di tre ore. Raggiunto l’obiettivo Frecciarossa, resta quello della Matera-Ferrandina, per la quale bisognerà però ancora attendere diversi anni: il governo ha annunciato il suo completamento entro il 2022. Nel frattempo, i lucani, e molti lo faranno già nelle prossime festività natalizie, potranno continuare a godersi la comodità di un treno rapido e all’avanguardia.