Attualità

Salerno, fallimento Vog: condannato Sabatino Senatore

Al noto commerciante una pena, in primo grado, di due anni e 4 mesi per bancarotta fraudolenta.

Per il fallimento della società del marchio di abbigliamento “Vog”, storico “brand” salernitano, è stato condannato in primo grado il noto commerciante Sabatino Senatore. Lo ha deciso ieri il gup Renata Sessa del Tribunale di Salerno che, accogliendo il rito abbreviato, lo ha condannato a due anni e quattro mesi di reclusione. Lo stesso giudice ha stabilito il non luogo a procedere per la moglie, Assunta Memoli, che gli era succeduta nel ruolo di amministratore.

Senatore era accusato di bancarotta fraudolenta, la vicenda giudiziaria è datata ed ha origine un decennio fa. Per la notorietà dell’imputato, che ha ricoperto ruoli importanti in organizzazioni di categoria, è spesso finita al centro delle cronache locali. Nel dettaglio Senatore avrebbe distratto dai fondi della srl (società a responsabilità limitata) 180mila euro nel 2008 e altri 599mila nell’anno successivo, giustificando le uscite con l’annotazione contabile di un rimborso ai soci di finanziamenti che erano stati fatti in conto di un futuro aumento di capitale e che nel frattempo servivano a incrementare non le quote nominali ma il patrimonio della società.