Attualità

AGROPILI: lascia i figli in macchina per andare dall’avvocato. Rischia la denuncia.

“Giovi, se ce lo porti te lo trovi” dice un antico proverbio famoso a Salerno. Poi, negli ultimi giorni Giovi è stato agli onori della cronaca per il perpetrarsi di furti nelle abitazioni. Ma, dicerie e ladri a parte, la frazione collinare avrà, a breve, un nuovo e funzionale oratorio per la comunità della parrocchia di Santa Croce-San Bartolomeo.

Infatti, proprio stamane, il parroco Don Salvatore Aprile, chiaramente emozionato per l’evento, ha presentato i lavori che avranno inizio in tempi brevi. Sulla stessa sintonia d’onda la vice sindaco Eva Avossa, nonchè “giovese” d.o.c e il consigliere comunale Natella, in rappresentanza della pubblica amministrazione. La realizzazione dell’opera è co-finanziata in quanto la parrocchia giovese ha partecipato alò bando regionale denominato “Oratorio presidio dei valori” e beneficerà di spazi dedicati alle attività ludiche e di formazione per tutte le fasce d’età.

In buona sostanza i lavori interesseranno l’edificio attiguo alla chiesa (adibito poi ad oratorio), che sarà totalmente ristrutturato, e al tempo stesso sarà anche riqualificata l’area che circonda l’oratorio. Sorgeranno, infatti, un parco giochi per bambini, un anfiteatro, un campo di bocce, un orto didattico al quale avranno accesso non solo gli alunni ma anche gli anziani. L’opera e la sua finalità sociale ha avuto il plauso della comunità parrocchiale e dei residenti di Giovi. A presto, dunque, il taglio del nastro che smentirà chi ha commentato l’iniziativa come una clientela pre-elettorale.