Attualità

POLLA: 32enne picchiava la madre e il nonno per avere i soldi per la droga. Arrestato

Con comportamenti violenti e vessatori, era solito appropriarsi di tutti i risparmi e degli oggetti preziosi della famiglia, picchiando la madre per futili motivi, come il non trovare il pranzo pronto al suo arrivo in casa.

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate: queste le pesanti accuse per il 32enne pregiudicato che è stato arrestato dai carabibieri di Sala Consilina. I militari di Petina, interessati dalla Centrale Operativa della competente Compagnia Carabinieri, sono accorsi a Polla, dopo la segnalazione dei vicini per soccorrere la madre e l’anziano nonno – ultraottantenne ed invalido – del giovane. Quest’ultimo lo aveva poco prima percosso e minacciato.

Gli accertamenti

Da lì, i carabinieri hanno avviato le indagini, ricostruendo diversi episodi di crudeltà, sopraffazione ed intimidazione, consumati negli ultimi 10 anni dal giovane nei confronti dei familiari conviventi, quando questi gli negavano i soldi che lui utilizzava per l’acquisto di stupefacenti.

L’incubo

Con comportamenti violenti e vessatori, era solito appropriarsi di tutti i risparmi e degli oggetti preziosi della famiglia, picchiando la madre per futili motivi, come il non trovare il pranzo pronto al suo arrivo in casa, costringendo i familiari ad un regime di terrore ed allerta ed inducendoli a dormire chiusi nelle rispettive stanze, per evitare aggressioni notturne. Ora l’incubo è finito.