Attualità

BATTIPAGLIA: arrestato albanese. Costringeva la moglie a fare sesso davanti al figlio.

L’albanese ha commesso violenze sessuali alle quali, in alcuni casi, costringeva ad assistere il figlio, per mostrargli come venisse praticato l’atto.

Carabinieri in azione, ieri sera, a Battipaglia. Una storia orrenda, infatti, è venuta alla luce a seguito di accurate indagini: il cittadino albanese D.X., 39enne residente a Battipaglia, così come disposto dal Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica, è accusato di maltrattamenti contro familiari, violenza sessuale aggravata continuata e corruzione di minorenne.

Il provvedimento

Il provvedimento scaturisce dai riscontri investigativi raccolti dai militari a seguito della denuncia sporta dalla compagna, una connazionale 24enne, la quale aveva riferito di continue umiliazioni e percosse subite nel corso della loro unione, cui si  aggiungevano rapporti sessuali consumati con la forza anche alla presenza del figlio di 3 anni.

Le violenze

L’uomo, a partire dal 2014, attraverso una serie di comportamenti denigratori della dignità umana, aveva costretto la donna a vivere nel perenne timore di patire aggressioni fisiche e verbali, rendendole dolorosa la convivenza e realizzando nei suoi confronti una condotta di sopraffazione sistematica, anche attraverso violenze sessuali alle quali, in alcuni casi, costringeva ad assistere il figlioletto, al fine di mostrargli come venisse praticato l’atto. Il 39enne è stato rinchiuso nel carcere di Fuorni, mentre la donna ed il figlio sono stati trasferiti in località protetta.