Attualità

SALERNO: i Nas irrompono tra studi medici e ristoranti. Sanzioni e chiusure attività

Due odontotecnici nel mirino a Torrione e via Irno. A Mercatello sequestrati 25 chili di dolciumi.

Duplice operazione del Nas di Salerno: nel mirino finiscono guardie mediche, studi odontoiatrici e diverse attività di ristorazione. I carabinieri del maggiore Vincenzo Ferrara , negli ultimi quindici giorni, hanno ispezionato tre studi dentistici: in due (uno a Torrione e un altro nei pressi del porto) sono stati sequestrati penalmente medicinali ampiamente scaduti, mentre in un altro con annesso laboratorio odontotecnico nella zona di via Irno è finita sotto sequestro penale l’intera attività di 180 metri quadrati con apparati radiografici ed arredi perché il tutto non era autorizzato. Sono state poi effettuate verifiche notturne alla guardia medica di Auletta (la quarta dopo quella di Pagani, Angri e Sarno): i militari hanno riscontrato umidità alle pareti, arredi logori, fili elettrici fuori traccia, assenza di servizi igienici e di lavabo dedicati al personale sanitario di turno.

Nel settore alimentare, a Salerno, i carabinieri del Nas hanno sottoposto a sequestrato amministrativo 30 chili di prodotti ittici e dolciari, senza tracciabilità e hanno chiuso un deposito esterno di circa 20 metri quadrati in un ristorante in zona porto, a causa delle gravi criticità e non conformità igienico – sanitarie e strutturali.

A Mercatello, in un’attività di ristorazione alla moda, sequestrati circa 25 chili di prodotti alimentari (dolciumi, pasta e verdure), per i quali il titolare non ha fornito la documentazione per stabilirne la tracciabilità, determinante per la sicurezza alimentare. Sospesa, nello stessoquartiere, un’attività di fruttivendolo a causa delle gravi criticità e non conformità igienico – sanitarie e strutturali rilevate negli ambienti ispezionati. Anche in provincia in azione i carabinieri del nucleo a tutela della salute pubblica. A Capaccio chiusa un’azienda agricola: i militari e i medici dell’Asl hanno rilevato gravi criticità e non conformità igienico – sanitarie e strutturali in diversi ambienti dell’attività.

A Maiori, in un bar ristorante sequestrati 60 chili di carne, pesce e vegetali non tracciati. Chiuso anche il solo locale adibito a friggitoria essendo state rilevate carenze e non conformità igienico – sanitarie e strutturali.