Attualità

Tragedia del mare a Palinuro. Annega 20enne di Rofrano(SA)

Inutili i soccorsi per Pasquale Lettieri. Un bagnino è riuscito a salvare altre due persone.

Una giornata al mare con gli amici si trasforma in tragedia. Un ragazzo di 20 anni, Pasquale Lettieri , residente a Rofrano, è morto annegato ieri pomeriggio a Palinuro. Salvato in extremis l’amico Manuel Gregorio , anche lui 20enne di Rofrano. La tragedia è avvenutapochi minuti dopo le 18.30, sulla spiaggia libera delle Saline. Il corpo di Pasquale Lettieri è stato risucchiato dalle onde in pochi istanti. Ha provato a chiedere aiuto, ha alzato le mani verso il cielo. Il primo ad intervenire è stato Geppino Calicchio , bagnino del lido Sunset. Ha indossato il marsupio di salvataggio e si è gettato in acqua, nonostante le condizioni proibitive del mare. È riuscito a far uscire dall’acqua Manuel Gregorio, ha aiutato un altro uomo in difficoltà e ha poi provato a recuperare anche Pasquale. Ma non ce l’ha fatta. È arrivato a pochi metri da lui, gli ha teso la mano, ha provato ad agganciarlo ma un’onda ha improvvisamente allontanato il ragazzo e lo ha portato via per sempre. La tragedia si è consumata dinanzi agli occhi di tantissime persone che affollavano l’arenile. Sul posto sono intervenuti immediatamente gli uomini della Guardia Costiera, la motovedetta Sar 814, i carabinieri della locale stazione diretti dal maresciallo Giuseppe Sanzone , i sanitari del 118 e un elicottero dei vigili del fuoco. E poi numerosi amministratori comunali e decine di volontari che hanno collaborato attivamente per tentare di recuperare il corpo del giovane. Tra i volontari anche Éric Stauffer , politico svizzero nativo di Caprioli, che ha sfidato le onde con la sua moto d’acqua per tentare di individuare il corpo. Ma il recupero non è stato ugualmente possibile, sia per le condizioni del mare, sia per la scarsa visibilità. La procura di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta. Le indagini sono coordinate dal tenente di vascello Giampaolo Arcangeli , comandante dell’ufficio circondariale marittimo di Palinuro, che ha coordinato personalmente i soccorsi. «Le condizioni del mare erano davvero proibitive – ha raccontato il comandante – abbiamo fatto tutto il possibile, anche con l’aiuto di persone del posto. Le ricerche continueranno ad oltranza, anche durante la notte, con l’impiego di un elicottero e di un aereo della Guardia Costiera abilitati al volo notturno. In arrivo da Napoli anche i sommozzatori dei vigili del fuoco». Intanto sono stati già sentiti dagli inquirenti i numerosi testimoni. «Mi sono fatto il segno della croce e mi sono gettato in acqua – ha affermato col volto rigato dalle lacrime il bagnino Geppino Calicchio – Ho visto quel ragazzo morire, ho fatto di tutto per salvarlo». Così anche Tonino Pomarico , gestore del lido Sunset. «Sono stati attimi di panico – ha detto l’imprenditore – abbiamo aiutato il bagnino e pregato che tutto si risolvesse nel migliore dei modi». In serata sono arrivate sul luogo della tragedia anche la mamma e la sorella del ragazzo deceduto. È stata una scena agghiacciante. La mamma ha provato a gettarsi in mare per cercare il proprio figlio ma è stata fermata dai soccorritori.