Politica

BELLIZZI: Il sindaco Volpe chiarisce la questione debitoria con la Sarim. <>, a tutto c’è un limite!

Viene da chiedersi il perché di questo terrorismo sociale che si sta mettendo in atto? E’ patetico e demenziale voler far passare il messaggio che queste pendenze con la Sarim le paghino i normali cittadini.

Mi chiedo, sinceramente, se Pino Salvioli, unitamente al suo gruppo, ci sono o se lo fanno, come si dice da noi? Cari cittadini, quelli denunciati sono i costi del servizio e la somme indicate sono parte del dovuto per l’appalto annuale, previste nel bilancio. Salvioli, ma dove ti stai imbarcando? Non sai nemmeno leggere gli atti che i funzionari ti forniscono. Fatteli spiegare da qualcuno che ne sa un pò di più di te, cosi eviti brutte figure.  Allora facciamo chiarezza. Cominciamo col dire che, carte e bilanci alla mano, questi ritardi nei pagamenti si trascinano già da quando avete amministrato voi. Quanto da voi denunciato si è verificato anche durante il vostro mandato ma non per questo lo abbiamo denunciato pubblicamente, ben sapendo come funziona il servizio e le entrate. Chissà se, presi dalla vostra rabbia, vi siete preoccupati di verificare che il 47/48% dell’utenza non paga le bollette o le paga con molto ritardo? Chissà se siete a conoscenza che il Comune deve ancora incassare e completare i ruoli Tarsu/Tari del 2013/2014-2015-2016-2017?

Invece di fare la guerra ai mulini a vento, fatela agli evasori, ai furbi, ai fannulloni. Ben altra cosa sono coloro che versano in difficoltà a cui l’ente non fa mancare il proprio supporto con rateizzazioni sopportabili. Provate a passare dalla Novares, che avete così tanto attaccato, e vi renderete conto di quante persone o attività morose hanno chiesto ed ottenuto dilazioni nei pagamenti. Ed anche lì sono venuti fuori tanti furbacchioni che per anni hanno evaso, alla faccia delle persone serie.

Credo poi che sappiate che L’Agenzia delle entrate effettua gli accrediti alla tesoreria comunale dopo 25/30 giorni dall’incasso? Il consigliere Maddalo, che si erge a moralizzatore, ha fatto l’assessore al bilancio quindi dovrebbe sapere cosa significa se viene a mancare oltre un milione e mezzo di entrate tariffarie, visto che succedeva anche quando ci stava lui? Altrimenti è ignoranza e gli consiglio di darsi all’ippica. In merito alla Sarim mi corre l’obbligo di ringraziare la società in quanto, al di là delle idiozie denunciate dalla minoranza, non è arrivata, all’Ente, alcuna richiesta di sollecito dei pagamenti, non vi è alcuna agitazione del personale addetto, che sono pagati con regolarità, e non c’è stata alcuna sospensione del servizio. Va dato atto, alla Sarim, invece, che con il contratto di “appalto chiuso”, (tutti gli oneri di smaltimento sono a suo carico), nel periodo della chiusura dello STIR di Battipaglia, hanno sversato in altre regioni, senza alcun costo aggiuntivo per l’Ente. E non è certo cosa da poco conto. Alla Sarim, compatibilmente con le esigenze di tesoreria, vengono liquidate 188mila euro mensili, come da contratto. Dunque sarà pagata e ringraziata come sempre poiché le somme sono iscritte a bilancio e nessun cittadino dovrà farsi carico di queste pendenze temporanee.

Ciò premesso e chiarito, anche quest’anno Bellizzi  è tra i Comuni più virtuosi in materia di raccolta differenziata. Serata di premiazione 15 dicembre 2018 presso il “Muse” di Trento. Oltre al sistema spinto del porta a porta, Bellizzi si differenzia per la sua premialità, infatti si restituisce con la raccolta dei punti sulla EcoCard familiare oltre 20.000 euro di buoni acquisti o sconti nei negozi consociati ogni anno.

Lo scorso anno erano solo 5mila. Come tutti sanno che il differenziato prodotto si raccoglie presso la nostra Isola Ecologica, aperta anche il sabato mattina. Cara minoranza di “Insieme per…le pippe”, mentre scrivevo mi tornavano alla mente l’Acquedotto pubblico regalato all’ASIS, l’illuminazione pubblica, mensa scolastica, trasporto scolastico, piscina comunale, licenziamenti a cascata e un buco di oltre 2,5 milioni di euro per bancarotta alla società pubblica. Un pò di pudore NO? E dai… non fate la figura dei pinguini.