Sociale

Centro sociale Bellizzi: convegno sulla Lingua Italiana dei Segni e dei Segni Tattile

La lingua dei segni è una tipo di comunicazione che veicola i propri significati attraverso un sistema codificato di segni delle mani, espressioni del viso e movimenti del corpo. È utilizzata dalle comunità dei segnanti a cui appartengono in maggioranza persone sorde. È una comunicazione che contiene aspetti verbali (i segni) e aspetti non verbali (le espressioni sovrasegmentali di intonazione per esempio) come tutte le lingue parlate o dei segni.

Quando le persone non udenti perdono la vista, (ad esempio nella Sindrome di Usher) la Lis si trasforma in Lingua Italiana dei Segni Tattile. La persona sordocieca ascolta toccando con le proprie mani le mani di chi “parla”, percependo così il segno comunicato.

L’ONU ha ratificato il riconoscimento delle lingue dei segni come “Giornata mondiale delle lingue dei segni” ogni 23 settembre di ogni anno.

Con queste premesse il MID (Movimento Disabili Italiani), di concerto con il Movimento 5Stelle, tramite il Consigliere regionale Luigi Cirillo (promotore di una Legge sul problema), il coordinatore provinciale del MID sig. Rocco Calenda, hanno inteso parlarne alla città in un convegno pubblico, presso il Centro Sociale di Bellizzi, alle ore 18.00 di sabato 12 gennaio.

Un appuntamento misto, tra sanità, cultura e norme comportamentali da tenere nel caso di una persona cara affetta da questa malattia, che la scienza sta tentando di sconfiggere partendo da questi propositi.

<<La cittadinanza è invitata, ovviamente e saranno ben accette proposte e suggerimenti>>, ci dice il coordinatore del MID, il sig. Calenda.