Sport e Spettacolo

BELLIZZI: Fabula compie 10 anni. Il gran ritorno di Gigi&Ross

Il duo, vecchia conoscenza dei bellizzesi e popolarissimi in televisione, saranno alle ore 18.00 nell’Aula Consiliare dove presenteranno il loro libro “La maledizione dell’acciaio”.

A settembre Fabula spegnerà le sue prime dieci candeline, segnando il passo di un evento partito in sordina e che è arrivato a coinvolgere oltre 300 ragazzi, senza calcolare le migliaia di persone che partecipano in quei giorni, quelle impegnate dietro le quinte, gli autori, i partner, tutti una grande famiglia. L’attesa è ancora lunga ma nell’aria c’è voglia di anticipazioni.

E allora si è pensato ad un’anteprima con un duo eccezionale, amici di Fabula, che tornano a Bellizzi per raccontare una storia che per alcuni versi è la loro favola. Giovedì 24 alle 18 presso l’Aula Consiliare Sandro Pertini di Bellizzi Gigi & Ross presenteranno “La maledizione dell’acciaio”, il libro edito da Rogiosi Editore, sospeso tra realtà fantasy scritto da Oreste Ciccariello ma frutto di una loro idea. Duecentosessantatre pagine che, oltre a riaccendere i riflettori su una delle pagine più belle, dolorose e rivoluzionarie della storia di Napoli, quella di Bagnoli e l’Italsider, s’intrecciano anche con l’anima di Fabula e quella creatività (che può manifestarsi nell’intuizione come nella scrittura) della quale i ragazzi che vi prendono parte si sentono investiti.

Gigi & Ross racconteranno anche questo, ovvero come e perché un duo cabarettistico, poi conduttori radiofonici e televisivi con delle puntate di successo sul grande schermo, abbiano deciso di accostarsi all’editoria, sviscerando in un’altra forma la fantasia che da sempre stimola la loro professionalità.

«Quest’esperienza non è molto lontana dal nostro mondo – anticipa Rosario Morra, in arte Ross – con Gigi abbiamo scritto una sceneggiatura un po’ di tempo fa che ha incuriosito il nostro giovane amico e autore Oreste, che poi ha romanzato. Lui è riuscito in maniera magistrale a tradurre in forma letteraria la visione cinematografica che noi avevamo immaginato. Chissà che poi non diventi anche un film».

Involontariamente c’è anche un altro filo sottile che collega il romanzo con Fabula. Se “La maledizione dell’acciaio” racconta l’eterna lotta contro il male, contro il buio confinato all’interno di un enorme ecomostro d’acciaio contro il quale vale la pena combattere – così si legge nella prefazione – anche Fabula si propone come un’occasione per migliorarsi, uno stimolo di crescita e di confronto. «Immaginare e creare. Il bene che vince sul male» – così ci salutava il direttore artistico Andrea Volpe, rimarcando l’importanza della creatività come aggregazione, della fantasia come veicolo di socializzazione per tanti ragazzi che hanno bisogno di una linea da seguire. Volpe è pronto ad un decennale ricco di sorprese, novità, ospiti.

«Vorrei che tornasse qualche ospite delle precedenti edizioni – annuncia Volpe – che si aggiungerebbe ovviamente ai tanti nuovi e, come sempre, alle professionalità e ai più grandi rappresentanti della società civile. Nel frattempo una cosa è certa, l’hushtag di quest’anno sarà #semprenoi, perché siamo sempre noi i sognatori, gli inventori pronti a volare con l’immaginazione. Quelli della prima edizione con un unico obiettivo…ancora una volta coinvolgere, creare, sognare».