Attualità

Buco nero, ecco la prima foto della storia. Einstein aveva ragione

Missione storica. Gli scienziati sono riusciti a catturare il cosiddetto “orizzonte degli eventi”, il confine del buco nero e il punto di non ritorno oltre il quale tutto viene risucchiato per sempre.

Einstein aveva ragione. La prima foto della storia di un buco nero è arrivata. Ed è proprio come aveva teorizzato lo scienziato più celebre della storia. Sfondo oscuro, un contorno di colore rosso, giallo verso il centro e poi quella forma circolare nera. È questo quello che si vede nell’immagine trasmessa da Bruxelles dall’Eso (European Southern Observatory) in questa giornata epocale per l’astronomia. La missione, un successo, è stata portata a termine da un gruppo di scienziati dell’Event Horizon Telescope che ha riunito una rete di telescopi sparsi su tutta la Terra per raggiungere la risoluzione necessaria a “fotografare” il misterioso fenomeno. La diretta dello straordinario evento è stata trasmessa alle ore 15:00 sul canale Youtube della Commissione europea.

DOVE SI TROVA – Il primo buco nero fotografato nella storia si trova al centro di Messier 87, un’enorme galassia situata nel vicino ammasso della Vergine. Dista da noi 55 milioni di anni luce e ha una massa pari a 6,5 miliardi e mezzo di volte quella del Sole. 

CHE FORMA HA – Albert Einstein aveva ragione. “I buchi neri esistono e sono molto simili a come sono stati descritti nella Teoria della Relatività Generale”. Lo ha spiegato Ciriaco Goddi dell’Università di Nijmegen e Leiden (Olanda) e membro del gruppo di ricerca dell’Event Horizon Telescope. “L’immagine che abbiamo ottenuto è consistente con l’ombra di un buco nero rotante, proprio come era stato predetto dalla Relatività Generale di Einstein”, spiega.

COSA SONO I BUCHI NERI – I buchi neri si formano quando le stelle muoiono, collassano su se stesse e creano una regione dove la forza di gravità è così forte che nulla (stelle, pianeti, gas, polvere e persino la luce) può sfuggire e invece viene risucchiato per sempre. Sono di varie dimensioni ed estremamente densi. Fino ad oggi gli scenziati sono mai stati in grado di fotografarli, ma sono riusciti solo ad ascoltarli: quando i buchi neri si scontrano l’uno con l’altro, rilasciano infatti enormi onde gravitazionali che sono state rilevate da appositi strumenti negli osservatori degli Usa e anche dell’Italia. 

PERCHE’ NON ERA MAI STATO FOTOGRAFATO – Le foto dei buchi neri non sono mai state fatte fino ad oggi per una serie di motivi. Uno è che la loro attrazione gravitazionale rende impossibile la fuga della luce. Non solo: i buchi neri si trovano anche molto lontano dalla Terra. Date queste difficoltà, ciò che gli scienziati sono riusciti a catturare è il cosiddetto “orizzonte degli eventi“, il confine di un buco nero e il punto di non ritorno oltre il quale tutto viene risucchiato per sempre.