Sport e Spettacolo

PADOVA: Federica Di Biasi, non ce l’ha fatta la pallavolista che lottava contro la leucemia.

Il mondo del volley in lutto. La sorella: “Voleva guarire, ce l’ha messa tutta”. Ma ha dovuto soccombere al linfoma di Hodgkin.

Non ce l’ha fatta Federica De Biasi: dopo 5 anni di lotta contro la malattia, la pallavolista 32enne ha dovuto arrendersi a una grave forma di leucemia, un linfoma di Hodgkin, che le era stato diagnostico nel 2014. Vinta dal terribile male, la ragazza si è spenta venerdì sera, a Santa Giustina in Colle (Padova), dove viveva con i genitori e le tre sorelle.


Ed è lutto nel mondo del volley femminile. De Biasi, padovana, aveva giocato a lungo nella Loreggia Volley (serie B) nel ruolo di palleggiatrice. Chicca, come era chiamata da amici e compagne di squadra, aveva giocato a livello agonistico nella prima squadra della Volley Loreggia negli anni 2009-2010 e 2015-2017. 

E’ stata ricordata dalla Volley Loreggia con messaggio sul sito internet della società: “E’ con grande dolore che annunciamo la morte di Federica De Biasi. Federica ha giocato col Volley Loreggia come palleggiatrice della prima squadra negli anni dal 2009-2010 al 2015-2017. Lascia in tutti noi un grande vuoto e un grande dispiacere per questa morte prematura. Ciao Federica, riposa in pace”.
Sulla sua pagina Facebook sono molti i post in cui soprattutto le sorelle la invitano a non arrendersi. “Quando ce ne siamo accorti la malattia, un linfoma di Hodgkin – ha detto il papà al Mattino di Padova – era già avanti. Mesi di terapie, tanto che a un certo punto aveva deciso di sospenderle, facendo qualche cura alternativa. Poi aveva prevalso la volontà di guarigione e si era affidata ad un valente oncologo, che ha saputo seguirla e consigliarla, e che l’adorava”. “Voleva guarire e ce l’ha messa tutta – aggiunge una sorella – il suo essere sportiva le ha dato tanto coraggio”.