Attualità

SALERNO: per la “Giornata della memoria”, Tatiana Bucci, sopravvissuta ad Auschwitz, incontra gli studenti.

Con lei anche Mario De Simone, fratello di Sergio De Simone, il bambino che fu selezionato per gli esperimenti mortali nei lager, per aver chiesto di vedere la mamma.

Il Comune di Salerno ha proposto e organizzato per le classi quarte e quinte delle scuole medie superiori cittadine il Progetto “Memoria e Shoah”, per non dimenticare. L’iniziativa si concluderà lunedì 11 febbraio al Teatro Augusteo con Tatiana Bucci, una delle ultime testimoni sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, e Mario De Simone, fratello di Sergio De Simone, il bambino che fu selezionato per gli esperimenti mortali nei lager, per aver chiesto di vedere la mamma.

Al progetto, che prevede una serie di incontri in diversi istituti scolastici, e voluto dal Sindaco Vincenzo Napoli e dal Vicesindaco e Assessore alla Pubblica Istruzione Eva Avossa, hanno finora aderito le seguenti scuole: Istituto Nautico, Liceo scientifico Da Vinci – Genovesi, Istituto Santa Caterina, Liceo classico De Sanctis, Liceo scientifico Da Procida, Liceo artistico Menna, Liceo classico Tasso e Liceo scientifico Alfano I.