Attualità

Salerno e San Matteo, il Covid-19 non ferma la tradizione: “meveza” e “maruzzelle”.

Almeno a tavola la tradizione dei salernitani non cambia nel giorno di San Matteo anche al tempo del Covid.

Rinuncia obbligata alla processione, in ottemperanza ai protocolli anti Covid, ma nessuna deroga ai piatti tipici del giorno di festa del Santo patrono della città: non mancheranno oggi  “!a meveza” (milza) imbottita di prezzemolo, agio, mentuccia e peperoncino rosso e cotta nell’aceto.

Ma anche le “mulignane spaccate” con o senza imbottitura, ed ancora le “maruzzelle” bollite e condite con olio e peperone forte, i peperoncini fritti oppure fritti e girati col pomodoto.