Attualità

Bellizzi: gli assembramenti, mancanza di rispetto a chi soffre. Il Covid è ancora tra noi.

Solo il freddo pungente o la pioggia battente ha fatto sì che i cittadini restassero un pò a  casa. Non si può certo dire lo stesso nelle giornate di sole o comunque con le temperature quasi primaverili. Nessuno ha suonato la ricreazione e che il Covid-19 è tra noi lo dimostra l’aumento di contagi.

Si può capire il sacrificio che bisogna fare nel non vedere gli amici di sempre o privarsi di una passeggiata, ma rischiare di diventare positivi per motivi futili è da irresponsabili, oltre che da idioti.

Scene di piazze piene o assembramenti davanti ai bar non si possono accettare perché il pericolo non è assolutamente passato. Serve responsabilità da parte di tutti e, allo stesso tempo, controlli ed anche sanzioni, se necessarie.

Forse la speranza è nel vaccino contro il Covid-19, mentre il mostro continua a mietere vittime. Siamo tutti ansiosi di vederne i risultati senza ricordarci che la vera medicina siamo noi,  che giriamo senza mascherina o ci assembriamo. Molti virologi da bar dello sport credono di poter dire la propria senza mai provare nulla. La scienza non accetta opinioni ma vuole fatti, prove e controprove e non pareri.

Qualcuno è convinto che il vaccino non funziona o che la pandemia non esiste ? Bene allora dimostralo, altrimenti rimani un ciarlatano. Punto.

Nel frattempo tutta quella gente in giro è uno schiaffo a chi soffre e ha sofferto per mano di questo virus. Non possiamo e non dobbiamo dare un esempio negativo. Serve un cambio di rotta. Si prendano provvedimenti drastici se servono.