Attualità

Bellizzi ha reso onore ai cittadini insigniti da Mattarella della “Medaglia al Valore”.

Premiati Gerardo Ciccariello ed Attilio Magliacane.

 <<Abbiamo reso omaggio ai nostri concittadini insigniti dalla Medaglia al Valore, insignita dal Presidente Mattarella”.

È quanto dichiara il sindaco Volpe dopo la rituale deposizione della corona di alloro nella “Giornata della memoria”, in piazza IV Novembre,  alle vittime della barbarie nazista. Solo pochi giorni prima fu reso noto da Antonio Landi, responsabile provinciale dell’associazione “Combattenti e reduci”, che 62 salernitani deportati nei lager nazisti, saranno insigniti della medaglia al valore dal Presidente della Repubblica. Tra questi, ben otto sono originari di Bellizzi: Vincenzo BORRIELLO, Gerardo CICCARIELLO, Carmine D’AMBROSIO, Attilio MAGLIACANE, Arturo NICOLINO, Antonio PANTALENA, Lucio PARAGGIO e Vito ROSSINO.

E così, nell’Aula Consiliare diBellizzi, il prefetto di Salerno dott. Francesco Russo, congiuntamente al sindaco di Bellizzi e al sindaco di Battipaglia, Cecilia Francese, hanno consegnerà la medaglia d’onore conferita dal presidente della Repubblica ai cittadini italiani militari e civili di Bellizzi deportati nei lager nazisti. A ritirare l’onoreficenza i familiari di sei militari cittadini del comune di Bellizzi: Carmine D’Ambrosio, Vito Rossino, Antonio Pantalena, Arturo Nicolino, Vincenzo Borriello, Lucio Paraggio. Due cittadini insigniti sono ancora viventi ed hanno ritirato personalmente la medaglia: Gerardo Ciccariello, residente a Bellizzi, e Attilio Magliacane, residente a Battipaglia. La manifestazione, per dovere d’informazione, è avvenuta nel rispetto del protocollo di prevenzione epidemiologica Covid 19 ed è stata trasmessa in diretta Facebook sulla pagina istituzionale del comune di Bellizzi, dove è tuttora visibile.

Con la sindaca di Battipaglia sono stati premiati otto concittadini delle due comunità mentre  un ringraziamento va all’Associazione Reduci e Combattenti di Salerno per le ricerche storiche.

Ovviamente soddisfatto  il sindaco Volpe che ritiene l’evento una bella testimonianza di storia e di vita da tramandare alle nuove generazioni.